Personale della scuola

PARTE SECONDA – PERSONALE DELLA SCUOLA

2.1. DOVERI DEI PUBBLICI DIPENDENTI

I doveri dei pubblici dipendenti sono indicati dai contratti collettivi di lavoro, dai regolamenti di Istituto e dal codice di comportamento riportato nel DMFP 31/3/94.

In particolare il personale dovrà:

  1. tenere un comportamento improntato al massimo rispetto degli alunni, dei genitori, degli operatori che lavorano nell’Istituto;
  2. garantire la riservatezza delle informazioni su dati personali degli alunni o delle famiglie;
  3. usare e custodire con cura i beni a disposizione dell’ufficio e delle scuole;
  4. astenersi da dichiarazioni pubbliche che vadano a detrimento dell’immagine dell’Istituto;
  5. evitare di esprimere valutazioni sull’operato dei colleghi o su scelte pedagogiche o didattiche di altre classi, senza prima averne informato gli interessati.

2.2. DIRITTI DEI PUBBLICI DIPENDENTI

Tutti i pubblici dipendenti hanno i diritti previsti dalla Costituzione della Repubblica, dai contratti collettivi di lavoro e dalla normativa specifica.

In particolare, ogni pubblico dipendente operante nell’Istituto ha diritto:

  1. ad esprimere le proprie opinioni, anche critiche, purché siano motivate e manifestate all’interno degli organi collegiali;
  2. ad esigere il rispetto degli alunni, dei genitori e degli altri operatori dell’Istituto, durante lo svolgimento delle sue funzioni;
  3. ad essere informato delle valutazioni espresse sul proprio operato;
  4. a ricevere tempestivamente i documenti e le comunicazioni che lo riguardano;
  5. ad operare in un ambiente di lavoro sicuro, salubre e funzionale;
  6. ad avere a disposizione strumenti adeguati di lavoro, nei limiti delle disponibilità e delle risorse finanziarie dell’Istituto;
  7. ogni docente ha diritto che sia salvaguardata la sua autorevolezza sugli alunni;
  8. ogni docente ha diritto di godere della massima autonomia nelle scelte educative e didattiche, nel rispetto delle scelte operate dagli organi collegiali.

L’Istituto si riserva di avviare tutte le iniziative utili a difendere il “buon nome” dell’Istituto e dei dipendenti che vi operano.

2.3. AUTONOMIA DEI DOCENTI E COLLEGIALITÀ

Gli insegnanti sono corresponsabili delle scelte educative, dei progetti approvati e dei risultati conseguiti.

I docenti si presentano alle famiglie con decisioni unitarie. Eventuali dissensi vanno discussi esclusivamente nelle sedi istituzionalmente preposte.

I docenti, in accordo con i colleghi operanti nella stessa scuola e con il docente responsabile di plesso (che comunicherà le decisioni al dirigente scolastico), potranno decidere autonomamente di:

1. modificare occasionalmente il proprio orario settimanale di servizio per organizzare attività didattiche particolari, purché tali modifiche non comportino variazioni superiori alle due ore settimanali;

2. modificare occasionalmente l’alternanza dei turni di lavoro;

3. modificare date stabilite per le riunioni di programmazione;

4. organizzare uscite didattiche senza uso di mezzi di trasporto, in orario scolastico;

5. invitare esperti locali per singoli incontri con gli alunni, purché tali incontri siano previsti dai progetti approvati dal collegio dei docenti e non comportino alcun onere per l’Amministrazione.

2.4. INCARICHI

Compiti del docente vicario

Il docente vicario:

  1. collabora con il dirigente scolastico nella conduzione dell’istituto e lo sostituisce in caso di assenza;
  2. fornisce indicazioni e direttive, da concordare con il Dirigente Scolastico, in relazione a:
  • organizzazione del lavoro
  • orari scolastici
  • sostituzione interna dei docenti assenti;
  1. partecipa, su delega del Dirigente Scolastico, alle riunioni con altre scuole, in rappresentanza dell’Istituto;
  2. raccoglie e sintetizza la documentazione relativa alle attività didattiche dell’Istituto.

 

Compiti dei responsabili di plesso

L’incarico di responsabile di plesso è attribuito dal Dirigente Scolastico, in base ai criteri elaborati dal Collegio dei Docenti; per l’espletamento di queste funzioni i docenti potranno accedere al fondo di istituto per un numero di ore da definire in sede di contrattazione.

I docenti responsabili di plesso, hanno i seguenti incarichi:

  1. garantire la massima diffusione delle comunicazioni inviate dal dirigente scolastico;
  2. avvisare la dirigenza dell’Istituto dei problemi evidenziati a scuola e farsi carico di organizzare i primi interventi in caso di urgenza;
  3. controllare la sicurezza e l’igiene dell’edificio;
  4. svolgere attività di controllo per la conservazione e la manutenzione del materiale inventariabile;
  5. predisporre l’orario scolastico generale (in collaborazione con i docenti incaricati;
  6. organizzare le sostituzioni degli insegnanti assenti, entro i termini stabiliti dalla normativa;
  7. curare i rapporti collegiali con i genitori.

I responsabili di plesso sono inoltre autorizzati a contattare direttamente gli Enti Locali per interventi urgenti, per i servizi di mensa, per i servizi di trasporto ecc.., fatta salva la necessità di darne successiva comunicazione al Dirigente Scolastico; sono infine delegati a presiedere i consigli di classe, interclasse e intersezione, sostituendo il dirigente in caso di assenza o impedimento.

Compiti dei coordinatori di classe

Nella scuola secondaria di primo grado il docente coordinatore di classe:

  1. prepara i lavori dei consigli di classe;
  2. presiede i consigli in caso di assenza del Dirigente Scolastico o suo delegato;
  3. nomina tra i docenti, a rotazione, un segretario incaricato di redigere il verbale;
  4. consegna ai genitori i documenti di valutazione (su richiesta degli interessati).