Inclusione

Inclusione

È un processo attraverso il quale la scuola diventa un ambiente che risponde ai bisogni di tutti i bambini in modo equo, tenendo in considerazione le difficoltà e le potenzialità di ciascuno.

Chi sono i BES?

Alunni con o senza certificazione che si trovano in situazione di bisogno per un periodo più o meno lungo e per i quali occorre predisporre un PDP.

Che cos'è un PDP?

Il Piano didattico personalizzato (PDP) è un documento dedicato a tutti gli studenti che vivono particolari disagi (emotivi, fisici, ... ) anche temporanei, citato all'interno della legge 170/2010 e delle linee guida seguenti.
Si tratta della programmazione didattica riservata agli alunni con difficoltà di apprendimento.
Tale documento rappresenta un patto d’intesa fra docenti, famiglia, esperti e istituzioni socio-sanitarie, nel quale devono essere esplicitati gli interventi didattici individualizzati e personalizzati, gli strumenti compensativi e le misure dispensative che servono all’alunno per raggiungere autonomia in ambito scolastico.

Che cos'è il PAI?

Il PAI, introdotto dalla direttiva sui BES del 27/12/12 e dalla circolare ministeriale del 6/03/13 "Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica – Indicazioni operative", è un documento che “fotografa” lo stato dei bisogni educativi /formativi della scuola e le azioni che si intende attivare per fornire delle risposte adeguate.
Ciascuna istituzione scolastica, nell’ambito della definizione del PTOF, predispone il Piano per l’inclusione che definisce le modalità per l’utilizzo coordinato delle risorse, compresi il superamento delle barriere e l’individuazione dei facilitatori del contesto di riferimento nonché per progettare e programmare gli interventi di miglioramento della qualità dell’inclusione scolastica.
Il PAI conclude il lavoro svolto collegialmente da una scuola ogni anno scolastico e costituisce il fondamento per l’avvio del lavoro dell’a.s. successivo.

Che cos'è il PEI?

Acronimo di Piano Educativo Individualizzato, il PEI viene redatto di anno in anno e contiene l’indicazione dettagliata degli interventi educativi e degli interventi didattici, degli obiettivi prefissati per l’alunno e, infine, i criteri di valutazione del percorso didattico.
Ogni anno, dal momento dell’ingresso di un alunno con certificazione di disabilità nel ciclo scolastico (a partire dalla scuola dell’infanzia), o a partire dal momento in cui un allievo riceve una certificazione, la scuola è vincolata alla redazione del PEI che deve contenere: obiettivi didattici, educativi e di apprendimento, l’elenco di tutte le attività didattiche, la valutazione delle attività, il rapporto tra la scuola e il contesto extra-scolastico.
Il PEI, come il PDP (il Piano Didattico Personalizzato), non è un documento immutabile: viene analizzato ogni anno e nel corso dello stesso anno scolastico per valutarne l’efficacia, e modificato per tenere conto dei risultati raggiunti dall’allievo, per aggiornare o confermare gli obiettivi e per adattarlo a necessità emerse durante l’anno.

Normativa